Sequestrati oltre 55 milioni di euro al presidente del Brescia Calcio per violazioni penali-tributarie

1' di lettura 26/07/2022 - I militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale Brescia, coordinati dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Brescia, stanno eseguendo l’ordinanza del locale Tribunale del Riesame, depositata lo scorso 26 luglio, con cui è stato disposto il sequestro preventivo di beni e disponibilità finanziarie, per oltre 55 milioni di euro, nei confronti del Presidente del Brescia Calcio.

Le investigazioni, condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Brescia, hanno riguardato il noto professionista del mondo calcistico nonché il complesso di beni ed entità giuridiche (di diritto italiano ed estero) allo stesso riconducibili.

In particolare, le indagini di polizia giudiziaria hanno permesso di ipotizzare a carico del medesimo e di altri concorrenti nei reati, tra le altre, le fattispecie penali di cui agli articoli 5 (“Omessa dichiarazione”) e 11 (“Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte”) del Decreto Legislativo n. 74/2000.

In relazione alle predette condotte e, in particolare, con riferimento alle ipotesi delittuose di cui all’articolo 11 del D.Lgs. n. 74/2000, la Procura Distrettuale della Repubblica di Brescia aveva richiesto un primo sequestro preventivo dei beni sopra indicati, il quale, a seguito di una pronunciata favorevole della Corte di Cassazione, ha avuto oggi esecuzione.

Si evidenzia che le indagini sopra richiamate non attengono alla gestione del Brescia Calcio.

Il provvedimento in parola è stato emesso sulla scorta degli elementi probatori acquisiti in fase di indagine preliminare, pertanto, in attesa di giudizio definitivo, sussiste la presunzione di innocenza.






Questo è un articolo pubblicato il 26-07-2022 alle 20:18 sul giornale del 27 luglio 2022 - 97 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dhJF





logoEV